SERIE B

Abbastanza ... in scioltezza !

 

di Roberto Riccardi

 

30 aprile 2016

 

PALL. SAN PIO X MILANO - SABIANA VITTUONE 33-60

(12-22; 20-32; 26-52)

 

SABIANA : Vitelli, Manzoni 8, Da Verme 15, Sansottera 9, Corbetta 2, Pirola 8, Nasuelli 2, Moretti 6, Guerra 8, Djedjemel ,Maschio, Barenghi 2. 

 

Altra gara con molti più “rischi” che gloria e l'importante alla fine è aver portato a casa risultato e “pelle” ( leggasi infortuni o problemi fisici) . La concentrazione nonè sicuramente a 1000 , vuoi l'orario pomeridiano e la giornata , sabato, che di norma prevede …..aperitivo e “cazzeggio” ….e la partenza riflette le sensazioni che ha trasmesso il riscaldamento: appena preso vantaggio, ci si rilassa, ed a nulla stavolta valgono time-out e rotazioni. Djedjemel è bloccata con la schiena , Corbetta ancora in fase di recupero e allora le responsabilità offensive vanno stavolta alle

nostre babies-U18 e Guerra e Sansottera non si risparmiano mettendo assieme un bottino ( considerato che non saranno mai in campo contemporaneamente) di assoluto rispetto. La squadra gioca per loro imbeccandole intelligentemente dentro l'area mentre in difesa però un poco di sciopero si attua, non si “morde” come al solito e San Pio gioca con efficacia di letture contro i nostri cambi sistematici. Altra fiammata , stavolta si corre, dopo l'intervallo, con una efficace Pirola e la “mano” di Dal Verme e poi assoluta gestione – della squadra si badi bene , non della panchina- dei ritmi sino alla fine . La notizia migliore arriva però nella giornata di Domenica , in tarda serata , ed è la sconfitta a Canegrate del Basket Como, non è risultato ancora ovviamente decisivo ma sicuramente fa morale......la condizione c'è, il morale ora pure e allora è arrivato il momento di mettere insieme il tutto affinché

il cocktail diventi vincente.

 

Pallacanestro Stella Azzurra ASD - Castano Primo - P.Iva 09843660151 - 

 

Copyright © 2012-2019 Stella Azzurra Castano. All Rights Reserved. Contattaci 348 5174103 - 334 3940295

 

Sito realizzato da Paolo Caserini